SHARE

Che gli asiatici siano tutti esteticamente uguali, per i loro classici occhi a mandorla, è luogo comune abituale tra la maggior parte degli abitanti del globo. Un banale stereotipo che l’allenatore della Corea del SudShin Tae-Yong, ha deciso di sfruttare a vantaggio della nazionale asiatica per l’esordio al Mondiale in Russia contro la Svezia.

In conferenza stampa infatti, il commissario tecnico dei The Reds ha rivelato la tattica utilizzata durante gli allenamenti per confondere gli scandinavi: ovvero invertire i numeri di maglia delle divise ufficiali e quelle di allenamento così da depistare gli osservatori della Svezia, facendo leva proprio sulla sospetta uguaglianza dei calciatori della Corea del Sud.

Svezia-Corea del Sud, invertire i numeri di maglia per confondere gli svedesi

Svezia-Corea del Sud sarà quindi guardata con occhi diversi proprio per capire se la tattica dell’allenatore asiatico andrà a buon fine. Il commissario tecnico coreano ha così giustificato la sua strategia: “A mio parere, quando gli europei vengono a guardare i nostri allenamenti un motivo c’è. Noi abbiamo agito di conseguenza. Vogliamo tentare di confonderli così da non concedergli vantaggi. Ki Sung-yueng probabilmente è conosciuto, così come lo è Son Heung-min. Gli altri calciatori, però, potrebbero essere difficili da riconoscere e potrebbero quindi creare confusione negli avversari. Per gli occidentali, è molto difficile riconoscere noi asiatici”. 

Secondo quanto riportato su Gianlucadimarzio.com, un giornalista ha addirittura rivelato che Son, uomo di punta della Corea del Sud e talento del Tottenham, avrebbe cambiato quattro maglie con numeri differenti per confondere gli osservatori avversari. Il girone dei coreani, inseriti nel Gruppo F con GermaniaMessico e appunto la Svezia, è certamente complicato ma non impossibile da superare. La prima sorpresa è arrivata nella partita tra tedeschi e messicani, con la Tricolor che è riuscita ad avere la meglio sui Campioni del Mondo in carica per 1-0.

di Emanuele Catone