SHARE
russia 2018 mondiali

Le scelte politiche di Trump arrivano a influenza i Mondiali 2018 di Russia. Nello specifico sarà l’Iran a dover gestire una delicata situazione, scatenata dal presidente degli Stati Uniti d’America. Nella giornata di venerdì 15 giugno, alle ore 17, la Nazionale allenata da Carlos Queiroz dovrà sfidare il Marocco, ma per ora rischia di farlo senza scarpini al piede.

Una situazione paradossale, che affonda le proprie radici nei primi giorni di maggio, quando il presidente Trump ha deciso di far uscire ufficialmente gli Stati Uniti dall’accordo nucleare sull’Iran. Di fatto è stata cancellata l’intesa siglata da Obama nel 2015, utilizzando toni molto severi: “Tutto questo è disastroso e imbarazzante. Serve unicamente a far sopravvivere un regime che finanzia il terrore”. Come promesso inoltre, sono giunte delle pesanti sanzioni, che hanno portato la Nike a fare un passo indietro, alla vigilia dei Mondiali 2018, sulla sponsorizzazione della Nazionale dell’Iran: “Le sanzioni statunitensi significano che, in quanto azienda Usa, Nike non può fornire scarpe ai giocatori della nazionale iraniana in questo momento”.

Mondiali 2018, Iran senza scarpini: caos Nike

Coppa del Mondo

Una decisione tanto drastica quanto inattesa, con il ct Queiroz ovviamente infastidito: “I giocatori si abituano al loro equipaggiamento sportivo e non è giusto cambiarlo prima di partite così importanti”. Sanzioni simili erano vigenti anche nel 2014, e nessun problema venne sollevato allora. Il timore di un’eventuale azione di Trump è però molto concreto, e a nulla sono servite le rimostranze dei diretti interessati, come il capitano Mehdi Mahdavikla: “Il Mondiale è una competizione in cui le nazioni si uniscono. tutto ciò è illogico”.

Una soluzione dovrà essere trovata e, stando a quanto riportato dalla Espn, molti calciatori sarebbero ricorsi a negozi privati in Russia pur di acquistare degli scarpini Nike. Nessuno dei prodotti però sarà fatto su misura, ovviamente, e per competizioni di questo tenore, si tratta di un problema non di poco conto.