SHARE

Sarà come da tradizione la Nazionale ospitante ad aprire le danze di Russia 2018. I sovietici affronteranno l’Arabia Saudita nel match inaugurale del Girone A, composto inoltre dall’Egitto di Salah e dall’Uruguay di Suarez e Cavani. Una nazionale che arriva all’appuntamento storico con molti problemi. La vittoria manca da ottobre 2017, da allora 4 sconfitte con Argentina, Brasile, Francia e Austra e 2 pareggi con Iran e Spagna. Per la manifestazione il ct punta sulla difesa a 3: tra i pali il veterano Akinfeev, in difesa Granat, Kudryashow e il 39enne Ignashevich. A centrocampo Samedov e Zhirkov agiranno sulle fasce mentre Dzagoev, Golovin, Kuzjaev comporranno l’asse centrale. In avanti ci sarà Miranchuk alle spalle dell’unica punta Smolov, 14 gol e 6 assist in 22 presenze con la maglia del Krosnadar

Russia, Golovin e Miranchuk osservati speciali

Tra i giocatori da osservare nella nazionale sovietica occhi puntati su Aleksandr Golovin del CSKA Mosca. Classe 1996, è una mezzala di fantasia, molto tecnica e che può ricoprire tutti i ruoli del centrocampo. Ha esordito in nazionale grazie a Fabio Capello ed un profilo che ha attirato le attenzioni della Juventus, pronta a investire sul ragazzo. Nel corso degli anni ha dimostrato tutte le sue potenzialità diventando un centrocampista davvero completo. Accelerazioni, senso della posizione e ottima resistenza tra le sue caratteristiche più interessanti. È diventato testimonial di un progetto organizzato e sostenuto dalla Nike, K11, per scovare nuovi talenti russi. Oltre a Golovin occhio anche al talento di Aleksej Miranchuk della Lokomotiv Mosca. Classe 1995 fa da collante tra centrocampo e attacco. In nazionale conta 17 presenze e 4 gol. In stagione ha messo a segno 7 gol in 30 partite. È un trequartista mancino, nato come centrocampista offensivo ma che può giocare sia sulle ali che come ‘falso nueve’ grazie alla sua rapidità e alla tecnica. È stato paragonato ad Ozil per la sua facilità di corsa palla al piede e da qualche giorno è entrato nella lista degli obiettivi del Milan di Gattuso. Anche il suo fratello gemello Anton fa parte dei convocati per Russia 2018.

SCHEDE TECNICHE E VIDEO DI GOLOVIN E MIRANCHUK