SHARE
settori giovanili - Ajax
Ajax Academy. Foto da: uefa.com

Si sente spesso parlare di “giovani talenti”, di “prodotti del vivaio” e altre definizioni analoghe per categorizzare giovani giocatori provenienti dal settore giovanile di una squadra. Il CIES Football Observatory ha stilato una classifica dei migliori club europei che sfornano ogni anno talenti dalle giovanili che si affermano in prima squadra prima di essere ceduti all’estero e fare carriera. La ricerca prende come riferimento le squadre che al 1° ottobre 2017 hanno più giocatori provenienti dal settore giovanile considerando 31 leghe calcistiche professionistiche in Europa. La squadra che più di tutte punta sul proprio settore giovanile è l’Ajax con 71 giocatori. Al secondo posto c’è la Dinamo Zagabria con 67 e al terzo posto il Partizan di Belgrado con 61. Solo quarto il Real Madrid (58) e il Barcellona (50) addirittura undicesimo. E le italiane? Come si collocano in questa classifica? Non troppo bene, a dire il vero: per trovare la prima squadra italiana in questa particolare classifica bisogna scendere addirittura fino alla quarantesima posizione, dove risiede l’Inter con 29 giocatori dal vivaio.

Cies, i migliori settori giovanili d’Europa: la situazione delle italiane

La stessa classifica è stata aggiornata prendendo come riferimento i 5 principali campionati. In questa le squadre presenti ai primi posti sono differenti: al primo posto c’è il Real Madrid (41) al secondo posto il Barcellona (34), al terzo posto il Lione (31). La prima tra le italiane è ancora l’Inter (23), questa volta quinta in classifica. Solo nona posizione per il Milan (22) mentre il Bayern Monaco (18) è addirittura ventiduesimo. Penultimo posto per la Lazio (11). Come si evince da queste particolari classifiche, il calcio italiano non sembra dare fiducia ai propri giovani e tutto il sistema calcistico italiano, dai club alla Nazionale, ne risente. La speranza è che classifiche come questa portino a riflettere sulla gestione dei settori giovanili, aumentando gli investimenti e la valorizzazione delle giovani risorse per il futuro.