SHARE
Italia-Olanda
Italia-Olanda (Foto: @Vivo_Azzurro)

Italia-Olanda è la terza amichevole di questo primo iter azzurro targato Roberto Mancini. Gli azzurri dopo la vittoria contro l’Arabia Saudita e il pesante KO rimediato per mano della Francia, ottengono un pareggio in virtù delle reti di Zaza e Akè.

L’Italia parte subito forte imprimendo un ottimo ritmo alla sfida e sfiorando dopo appena 3 minuti il vantaggio con Belotti che si vede annullare una rete per fuorigioco. Il gioco rimane comunque saldamente tra i piedi degli uomini di Mancini che rischiano poco grazie all’ottimo lavoro dei due centrali, mentre in fase offensiva si affidano alla verve di Verdi e alle verticalizzazioni di Insigne e Jorginho. Alla mezz’ora proprio da un’idea geniale del capitano di serata nasce la migliore chance del primo tempo: Belotti servito solo in area spara però addosso a Cillessen. Nel finale di frazione gli azzurri alzano ulteriormente i ritmi, sfiorando il vantaggio prima grazie ad una zampata di Verdi ben servito da Jorginho, e poi con un colpo di testa di Criscito salvato sulla linea. In avvio di ripresa il canovaccio cambia con l’Olanda che prova a prendere in mano il possesso palla, concedendo agli azzurri di colpire in ripartenza. Proprio da un rapido capovolgimento di fronte nasce il vantaggio azzurro con Zaza che in spaccata tramuta in rete un bel cross di Chiesa dalla destra. La gioia dura però meno di un minuto in virtù dell’espulsione di Criscito che costringe la truppa di Mancini all’inferiorità numerica. Sulla punizione seguente ci vuole una grande parata di Perin per tenere il vantaggio. Gli assalti finali portano al pareggio olandese firmato da Akè che sancisce l’1-1 conclusivo.

Italia-Olanda, il migliore e il peggiore

I migliori in campo di Italia-Olanda sono i centrali azzurri Romagnoli e Rugani che insieme ad uno straordinario Perin regalano sicurezza all’intera retroguardia. Segnali incoraggianti dalla nuova generazione di difensori e portieri azzurri. Decisivi per l’Olanda i subentrati Akè e Berghuis.

Il peggiore in campo della sfida dello Stadium è invece Domenico Criscito. Il terzino appena rientrato al Genoa non commette particolari errori prima del 69′, minuto nel quale rimedia un cartellino rosso pesantissimo che condiziona l’intero finale di gara degli azzurri.

Italia-Olanda, il tabellino del match

ITALIA-OLANDA 1-1

Italia (4-3-3): Perin; Zappacosta (58′ De Sciglio), Rugani, Romagnoli, Criscito; Cristante, Jorginho (77′ Baselli), Bonaventura (87′ Pellegrini); Verdi (60′ Chiesa), Belotti (62′ Zaza), Insigne (70′ Bonucci).
A disposizione: Donnarumma, Sirigu, D’Ambrosio, Florenzi, Mandragora, Balotelli, Berardi, Politano.
Ct: Roberto Mancini.

Olanda (4-3-1-2): Cillessen; Hateboer (46′ Janmaat), van Dijk, de Ligt (71′ Akè), Blind (77′ Weghorst); Wijnaldum, De Roon (78′ Promes), Vormer (71′ Berghuis); Vilhena; Babel (82′ Elia), Depay.
A disposizione: Zoet, Padt, Strootman, De Vrij, Kongolo.
Ct: Ronald Koeman.

Marcatori: 67′ Zaza (I). 87′ Akè (O)

Ammoniti: De Roon (O), Depay (O), Chiesa (I), Zaza (I), Janmaat (O).

Espulsi: Criscito (I)

Arbitro: Bezborodov (Russia).