SHARE
inter loghi

Nata di marzo. Femmina, diversa, unica. Nata da un atto di rivolta, una ribellione calcistica che si ritroverà lungo tutta la sua storia più che centennale. Nata in un ristorante, nel centro di Milano, un locale che allora – era il 1908 – radunava gli intellettuali della città. Era la sera del 9 marzo. (Inter.it). Il Football Club Internazionale Milano nasce il 9 marzo 1908. Il nome Internazionale è il fondamento della nascita della stessa società. I 44 soci fondatori erano tutti dirigenti del Milan (guarda a volte il destino) che non volevano seguire la regola imposta dalla propria società di non tesserare giocatori stranieri. Questo dissenso sfociò nella creazione di una nuova società aperta a tutti e il nome più adatto per rappresentare quest’apertura mentale e territoriale fu sicuramente Internazionale. Elemento di spicco tra i soci fondatori fu Giorgio Muggiani, pittore e caricaturista, che a causa di disaccordi con l’allora presidente del Milan Gianni Camperio, decise di fondare insieme a Boschard, Lana, Bertolini, De Olma, Enrico, Carlo e Arturo Hinterman, Pietro Dell’Oro, Ugo e Hans Rietman, Voelkel, Maner, Wipf e Carlo Ardussi, al Ristorante Orologio, la società Internazionale.

Inter, il logo societario e la parentesi Ambrosiana

fondatori inter

Questa notte splendida darà i colori al nostro stemma: il nero e l’azzurro sullo sfondo d’oro delle stelle. Si chiamerà Internazionale, perché noi siamo fratelli del mondo. (G. Muggiani). Muggiani disegnò anche il logo societario: fondo dorato delimitato da due cerchi, uno blu e uno nero, e con le lettere in bianco F,C,I,M (Football Club Internazionale Milano) intrecciate fra loro. La scelta dei colori nero e azzurro è l’ennesima caratteristica di dissenso della società contro il Milan, infatti la decisione non fu casuale ma stabilita per porsi in netto contrasto con l’altra società meneghina. Il primo presidente fu Giovanni Paramithiotti. Il primo capitano Hernst Marktl (uno dei fondatori del Milan). Con l’inizio del ventennio fascista l’Inter, per ragioni politiche (nome troppo poco italiano e soprattutto simile al nome della Terza Internazionale Comunista) si fuse con l’Unione Sportiva Milanese e assunse la denominazione di Società Sportiva Ambrosiana. Ma il nome Ambrosiana durò solo per 17 anni, infatti nel 1945, Carlo Masseroni, presidente dell’epoca, annunciò che la prima denominazione era stata ripristinata: l’Internazionale.

SHARE
Previous articleIl calcio del Colonnello Valeri Lobanovsky: la Dinamo Kiev
Next articleModello calcio tedesco: com’è rinato il calcio in Germania
Classe '85. Fondatore e direttore editoriale di MaiDireCalcio (ora Contrataque), istintivo sognatore napoletano. Ho scritto per PianetaNapoli.it, ora sono redattore per NapoliCalcioLive.com, web content per jobyourlife.com e pagellista per calciomercato.it. Laurea in Economia, giornalista pubblicista, baggista e folle appassionato del Crystal Palace. Twitter @claudioc7 Facebook facebook.com/ChandlerBing85