SHARE
Uruguay-Russia
Uruguay-Russia (Foto: @Uruguay)

Uruguay-Russia è l’ultimo capitolo del girone A dei Mondiali 2018. Di fronte due compagini già qualificate agli ottavi di finale dopo le vittorie contro Egitto ed Arabia Saudita, e vogliose di conquistare il primo posto in classifica. La fase di studio iniziale premia dopo appena 10 minuti la maggior qualità della ‘Celeste‘ che trova il vantaggio grazie ad una punizione ben indirizzata del solito Luis Suarez. I padroni di casa di Cherchesov reagiscono con Cheryshev prima e Dzyuba poi, ma senza riuscire a battere Muslera. Cinismo e concretezza sono gli ingredienti principali messi sul piatto dall’Uruguay che a metà primo tempo trovano anche il raddoppio con un po’ di fortuna: Laxalt calcia dal limite trovando la deviazione decisiva di Cheryshev che batte Akinfeev per il 2-0. Il bis della ‘Celeste‘ stordisce definitivamente la Russia che rischia di incassare il tris con Bentancur prima di mettere a referto anche l’espulsione per doppia ammonizione di Smolnikov che chiude un primo tempo da incubo.

La girandola di cambi di inizio ripresa non cambia l’andamento di una sfida già ampiamente indirizzata nel corso della prima frazione. La Russia fatica infatti a rendersi pericolosa dalle parti di Muslera mentre al contrario è l’Uruguay a cercare più volte la rete soprattutto con Edinson Cavani, ancora a secco in questo Mondiale. La miglior chance della Russia capita sui piedi di Dzyuba mentre il finale di gara è totalmente di marca sudamericana. gli assalti finali producono il goal di Cavani che si sblocca trovando il suo primo centro in questo torneo: Uruguay-Russia termina 3-0.

Uruguay-Russia, il migliore e il peggiore del match

Il migliore in campo di Uruguay-Russia è Diego Laxalt. L’esterno genoano regala nuova linfa vitale alla corsia mancina della ‘Celeste’ alternando perfettamente fase difensiva ed offensiva. Il classe 1993 ha il merito di propiziare l’autogoal di Cheryshev oltre all’espulsione di Smolnikov. Due giocate che mettono in discesa la sfida.

La palma di peggiore del match va a Smolnikov che in un primo tempo da incubo incassa in rapida successione due ammonizioni le quali producono inevitabilmente un’espulsione che costringe la truppa di Cherchesov a giocare in dieci uomini.

Uruguay-Russia, il tabellino della gara

Uruguay-Russia 3-0 (2-0 p.t.)

Uruguay (4-3-1-2): Muslera; Cáceres, Coates, Godín, Laxalt; Nández (73′ Rodriguez), Torreira, Vecino; Bentancur (63′ De Arrascaeta); Suárez, Cavani (93′ Gomez). All.: Tabárez

Russia (4-2-3-1): Akinfeev; Smolnikov, Kutepov, Ignashevich, Kudryashov; Gazinskiy (46′ Kuziaiev), Zobnin; Samedov, Al. Miranchuk (60′ Smolov), Cheryshev (38′ Fernandes); Dzyuba. All.: Cherchesov

Marcatori: 10′ Suárez (U), 23′ aut. Cheryshev (U), 90′ Cavani (U)

Ammoniti: Gazinskyi (R), Smolnikov (R)

Espulsioni: 38′ Smolnikov (R) per doppia ammonizione

Arbitro: Diedhiou (SEN)